La stellaria, erba invernale buona da mangiare

Stellaria Media (L)

Nomi popolari: Paperina, Centocchio comune, Budellina, Mordigallina, Galinella, Passrina, Pavarina, Centone, Paverina, Paverana. In inglese chickweed.

Detta anche Centonchio o Centocchio, la Paperina è un’erbetta molto poco appariscente e spesso passa inosservata. In realtà ha il pregio di crescere ovunque e per tutto l’anno, anche durante l’inverno.

Ha delicate foglie ovate e opposte, verdi chiaro e minuscoli fiorellini bianchi che si schiudono a ripetizione durante tutte le stagioni. I semini che seguono sono molto piccoli, ma un tempo venivano raccolti per essere macinati insieme ad altri semi nelle farine domestiche.

Come molte piante, i suoi fiori si schiudono solo se il tempo è buono.

Gli usi erboristici della Paperina sono molti: usata prevalentemente fresca o essiccandola velocemente all’ombra in luoghi ventilati, è utile per i disturbi di stomaco, l’intestino pigro e nutre nelle convalescenze; è stata usata per le anemie, le tubercolosi, l’artrite probabilmente per le caratteristiche diuretiche. In tal senso è anche un ottimo dimagrante.

Elimina le congestioni di fegato, reni, polmoni; è rinfrescante, disinfiammante, decongestionante.

Genere: Femminile
Segni e Pianeti: Luna.
Elemento: Acqua
Poteri magici: riti d’amore per creare o tenere una relazione.

Pianta fresca: cataplasmi di pianta fresca pestata o succo una parte in 4 parti di acqua, per problemi di pelle (acne, ferite, piaghe), infusi al 3-5%, da 2 a 3 bicchieri al giorno (vedi Glossario erboristico – prossimamente).

In cucina: fresca in insalata, nelle minestre, nelle frittate.

Coltivazione: cresce spontanea in terreni ricchi e mediamente soleggiati. Ama comunque un po’ di umidità. Cresce anche in vaso. È un’infestante.

ATTENZIONE: non confondetela con la Mordigallina (Anagallis Arvensis), molto simile ma con fusto quadrangolare, puntini violacei sotto la foglia e soprattutto piccoli fiori rossi e non bianchi. L’Anagallide a grandi dosi può provocare fenomeni di avvelenamento.

Quando si consuma un cibo nuovo per la prima volta è sempre bene cominciare con quantitativi molto bassi per assicurarsi di non avere allergie o incompatibilità personali con l’alimento.


LA STELLARIA IN CUCINA

FRITTATINE DI PAPERINA

Una bella manciata di pianta fresca, un uovo a persona, sale, olio extravergine d’oliva.

Tritare la paperina con la mezzaluna, unirla alle uova e al sale e sbattere bene affinchè il composto si amalgami.

In un padellino mettere sufficiente olio per friggere, con un mestolino far cadere due porzioni di composto, tanto da ottenere una frittatina singola. Cuocere da entrambi i lati e ripetere l’operazione per ogni persona.

Se il composto è molto denso si può allungare con latte.

Servire le frittatine sia calde sia fredde. Sono molto gustose.

La paperina ha il vantaggio essere reperibile anche in pieno inverno e di conservarsi bene e a lungo in frigorifero se avvolta in un panno umido.

© 2008 – 2021 Testo di Micaela Balice
Qualsiasi riproduzione, senza esplicito consenso dell’autrice è vietata.

Per approfondire: La raccolta delle erbe officinali, L’uso delle erbe officinali, workshop “Erboristeria domestica”

Immagine: foto originale dell’autrice

commenti

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...